vthumb
20
nov
Il Walkman compie 40 anni: nel 1979 nasceva la musica portatile
Con oltre 50 milioni di unità vendute in quattro anni, è diventato il sinonimo della libertà

Un'invenzione contesa
Pochi prodotti sono riusciti a segnare un'epoca come il Walkman, il mangiacassette di Sony nato esattamente 40 anni fa, nel luglio 1979. Possiamo pensare all'iPhone, al Game Boy e a tanti altri dispositivi che hanno lasciato la loro impronta ma il lettore portatile di cassette di Sony ha qualcosa in più, ha cambiato il mondo. Era il primo device che permetteva di portare davvero la musica in tasca, di averla sempre con sé sia nei lunghi viaggi che nelle passeggiate cittadine. Prima c'erano gli ingombranti mangiadischi oppure mangiacassette enormi come il Sony TC-D5. Non a caso, il primo Walkman nasce proprio da esigenze di viaggio. La storia narra che a dare l'impulso fu il cofondatore di Sony, Masaru Ibuka, che voleva ascoltare le sue arie d'opera preferite durante i lunghi viaggi in aereo che faceva per lavoro. Da qui sarebbe nato il TPS-L2, quel parallelepipedo blu e argento con le cuffie dotate di spugnette arancioni (in origine era tutto nero) che viene ancora oggi celebrato nei musei di design di tutto il mondo. Il successo fu immediato e l'invenzione venne accreditata all'altro fondatore di Sony, Akio Morita, ma la realtà è ben diversa. (Nella foto: il primo Walkman)

Successo immediato
Appena nato, il TPS-L2 è subito un successo. Appare in Giappone il primo luglio 1979 a 39.433,58 yen, ovvero 400 euro di oggi. Non è certo economico e l'obiettivo di vendita è piuttosto parco. Sony prevede di venderne 5mila unità nel primo mese ma poco dopo scoprì che si era sbagliata. Nei primi due mesi vengono venduti 50mila pezzi, nel 1983 è già a quota 50 milioni.

Portaile e intimo
Gli assi nella manica del TPS-L2 erano due. I lettori di musica portatili prima esistevano già, la prima radio portatile era del 1954, ma il Walkman offriva una portabilità assoluta grazie alle due batterie AA che lo alimentavano e in più prometteva privacy. Non c'era infatti un costoso speaker ma solo l'ingresso per le cuffie, il medesimo jack da 3,5 mm che usiamo oggi, e ciò, come scrivevano i giornali del tempo, regalava un senso di «intimità» con la musica. (Nella foto: una scena da Il tempo delle mele del 1980)

Tutto è Walkman
Il successo del Walkman era stato così strepitoso da diventare un marchionimo. Il nome commerciale era stato adottato nell'uso comune per indicare tutti i lettori portatili di musica. Negli anni '80 e '90 ogni mangiacassette portatile era un «Walkman» e poco male se in realtà era prodotto da Aiwa, Panasonic o Toshiba. (Nella foto, una pubblicità italiana del 1989 di cuffie per Walkman)

Musica e sport
Con uno strano incrocio di fatti che sembrano distanti tra loro, il primo Walkman si era avvantaggiato anche di un altro fenomeno: il jogging e l'aerobica. Tutti abbiamo impressi in mente quei video statunitensi degli anni '80 con avvenenti ragazze e nerboruti ragazzi che fanno sport all'aria aperta. Ebbene, il lettore portatile gli permetteva di muoversi a tempo di musica ovunque fossero, un'esperienza mai provata prima. (Nella foto: la prima pubblicità in assoluto del Walkman)

Piccolo e pratico
Ed ecco il papà putativo del Walkman, il Sony TC-D5. Il cofondatore dell'azienda giapponese Masaru Ibuka era stanco di portare con sé questo dispositivo grande, pesante e colmo di tasti per ascoltare musica in viaggio e così chiese di realizzare qualcosa di leggero e compatto.

Il vero inventore
Come si diceva quella del cofondatore di Sony come inventore del Walkman è una storia vera solo a metà. Dopo oltre vent'anni di battaglia legale, nel 2004 la casa giapponese ha riconosciuto il merito dell'invenzione all'allora sessantenne Andreas Pavel, inventore tedesco che aveva brevettato un lettore portatile di cassette nel 1977. Sony aveva accettato di pagare le royalty al tedesco fin dal 1986 ma solo nel 2004, dopo oltre tre milioni euro in spese legali, fu riconosciuto come l'unico inventore. (Nella foto: una pagina di Topolino del 1989)

La (flebile) rinascita
Oggi il vecchio lettore sta vivendo un revival. A riportarlo in auge è il ritorno agli anni '80, la flebile rinascita della musicassetta – tanti autori come Bjork hanno ripubblicato l'intero catalogo in quel formato – e in particolare un film, Guardiani della Galassia. - Vedi Foto - Qui vediamo il protagonista, Star Lord, che viene strappato in tenera età dalla Terra per essere portato in continui viaggi spaziali. Il Walkman è il suo unico legame al pianeta d'origine e le continue apparizioni nel film hanno riacceso l'interesse per un prodotto che si pensava dimenticato. Ad oggi è stata realizzata anche una versione ad hoc del lettore: esternamente sembra un mangiacassette ma in realtà è una sorta di lettore mp3. Chiamato Retro Recordable Player, ha una presa per collegarvi una fonte audio esterna come lo smartphone così mentre il telefono sarà celato in tasca all'esterno si vedrà solo il fino Walkman. www.corriere.it/tecnologia

pronto

cerca

INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

(ai sensi degli articoli 13 e 14 del Regolamento UE n. 679/2016)

In questa pagina si descrivono le modalità e le logiche del trattamento dei dati personali degli utenti (di seguito, anche gli “Utenti”) che consultano il sito  http://www.prontoagente.it/ (di seguito, anche il “Sito”) in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano.

Il Sito di proprietà di GRUPPO AGENTI A.G.IT. -AGENTI GROUPAMA ITALIA-, fin dalla sua progettazione, intende garantire il rispetto dei principi sanciti dal Regolamento UE n. 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con particolare riguardo al trattamento dei dati personali nonché alla libera circolazione dei medesimi. 

La presente informativa è resa solo per il sito http://www.prontoagente.it/ e non anche per gli altri siti web eventualmente consultati dall’utente tramite link.

Identità e dati di contatto del Titolare del trattamento

Il Titolare del trattamento dei dati personali relativi agli utenti è GRUPPO AGENTI A.G.IT. -AGENTI GROUPAMA ITALIA, con sede legale in VIA BEETHOVEN, 63 ROMA (RM), e-mail: info@gruppoagit.com. PEC info@pecgruppoagit.com.

Finalita’ del trattamento e base giuridica

I dati personali saranno trattati in relazione ai servizi offerti dal Titolare attraverso il proprio sito, esclusivamente al fine di eseguire il servizio o la prestazione richiesta o per gli adempimenti previsti da norme di legge o di regolamento. Nell'ambito di tali finalità il trattamento riguarda anche i dati relativi alle iscrizioni/registrazioni al sito web necessari per la gestione dei rapporti con il Titolare, nonché per consentire un’efficace comunicazione e per adempiere ad eventuali obblighi di legge, regolamentari o contrattuali.

Luogo e modalità del trattamento

I trattamenti connessi ai servizi web di questo sito hanno luogo presso la sede del Titolare e sono curati solo da personale tecnico autorizzato del trattamento.

Specifiche misure tecniche e organizzative di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati. I dati possono essere trattati esclusivamente da personale autorizzato  al trattamento, secondo i principi di correttezza, liceità, trasparenza, pertinenza e non eccedenza alle finalità di raccolta e di successivo trattamento.

Non è previsto l’uso di trattamenti automatizzati o processi decisionali automatizzati o volti a profilare il fruitore del Sito.

Eventuali destinatari e le eventuali categorie di destinatari dei dati personali

I dati personali possono essere comunicati per le finalità sopra specificate a soggetti che svolgono attività necessarie per l’erogazione dei servizi offerti dal Sito (a titolo esemplificativo, l’analisi del funzionamento del Sito medesimo) che tratteranno i dati in qualità di responsabili (art. 28 del Regolamento) e/o in qualità di autorizzati che agiscono sotto l’autorità del Titolare e del Responsabile (art. 29 del Regolamento) ovvero quali soggetti espressamente designati al trattamento dei dati nei termini previsti dal GDPR e dalla normativa nazionale di adeguamento alle disposizioni del GDPR come, per esempio, fornitori di servizi informatici e/o di archiviazione o di altri servizi di natura tecnico/organizzativa) oppure dipendenti e collaboratori cui si avvale il Titolare del trattamento. Le informazioni dell’utente potranno, inoltre, essere comunicate a terzi al fine di adempiere gli obblighi previsti dalla legge, dalla normativa europea o nazionale vigente e consentire la difesa in giudizio del Titolare del trattamento (per esempio nel caso di violazioni da parte di utenti della rete). 

I dati personali conferiti non saranno soggetti a diffusione.

Periodo di conservazione

I dati verranno conservati per un periodo di tempo non superiore al conseguimento delle finalità sopra indicate (“principio di limitazione della conservazione”, art.  5 del Regolamento UE n. 2016/679) o in base alle scadenze previste dalle norme di legge.

Trasferimento dei dati all’estero

I dati non vengono trasferiti a un paese terzo al di fuori della Unione Europea o ad Organizzazioni Internazionali.

Diritti dell'interessato

Ai sensi degli artt. 15 e ss. del Regolamento, l’interessato ha il diritto di chiedere al Titolare del trattamento:

-      l’accesso ai propri dati personali;

-      la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che lo riguardano;

-      l’opposizione al trattamento;

-      la portabilità dei dati nei termini di cui all’art. 20 cit.;

-      qualora il trattamento sia basato sull'articolo 6, paragrafo 1, lettera a), oppure sull'articolo 9, paragrafo 2, lettera a), cit. la revoca del consenso  in qualsiasi momento senza pregiudicare la liceità del trattamento basata sul consenso prestato prima della revoca.

Fatto salvo ogni altro ricorso amministrativo o giurisdizionale, l'interessato che ritenga che il trattamento che lo riguarda violi il GDPR ha il diritto di proporre reclamo a un’autorità di controllo, segnatamente nello Stato membro in cui risiede abitualmente, lavora oppure del luogo ove si è verificata la presunta violazione ai sensi dell’art. 77 cit. (l’autorità di controllo italiana è il Garante per la protezione dei dati personali).

Per esercitare i diritti di cui sopra l’interessato potrà rivolgersi al Titolare del trattamento dei dati personali  ai recapiti sopra indicati.

Aggiornamenti

La privacy policy di questo sito web è soggetta ad aggiornamenti; gli utenti sono pertanto invitati a verificarne periodicamente il contenuto

 

Please publish modules in offcanvas position.